Testamenti e atti relativi al patrimonio

Dal Notaio: Testamento, atti di rilievo patrimoniale (donazioni, procure)

Sempre più spesso i testamenti o gli atti di disposizione del patrimonio redatti da persone di età avanzata o con precedenti neuropsichiatrici sono successivamente impugnati da chi ne è stato scontentato, ipotizzando una incapacità psichica a compiere questi atti od addirittura una circonvenzione di incapace. Una valutazione specialistica psichiatrico forense preventiva, comprensiva di tests , esame psichico e colloqui clinici ripetuti, può documentare le effettive condizioni della persona interessata facendo sì che la sua volontà sia attuata ed evitando situazioni estremamente spiacevoli ad eredi, acquirenti, beneficiari di donazioni, procuratori.
Va innanzitutto detto che in questi casi è da preferire il testamento redatto dal Notaio (testamento pubblico) rispetto a quello scritto di pugno dal testatore (testamento olografo).
Purtroppo diverse situazioni cliniche, che rendono un soggetto incapace di comprendere la portata dell’ atto che sta compiendo e di adeguatamente autodeterminarsi, non sono immediatamente comprensibili a chi non abbia una specifica competenza clinica, oppure possono sfuggire al breve incontro che il Notaio ha con il proprio Cliente al momento della sottoscrizione dell’atto.
 
Siamo convinti che i Clienti desiderino quanto il Notaio che l’ atto che si sta predisponendo possa resistere a successive contestazioni da parte di parenti irritati dalle decisioni prese.
La nostra esperienza ci ha dimostrato che una valutazione medico legale e Psichiatrico Forense approfondita, coeva alla sottoscrizione dell’ atto, può prevenire le successive contestazioni documentando la capacità di autodeterminarsi dell’ interessato.
 
La valutazione è effettuata dallo Specialista Medico Legale, attraverso due colloqui clinici effettuati l' uno al mattino e l' altro al pomeriggio, sovente in giorni diversi, la raccolta di una dettagliata anamnesi, un esame neuropsichico accurato, la somministrazione di due tests (MMSE e Clock Drawing Test).
 
Nei casi dubbi sarà effettuato un approfondimento mediante una valutazione neuropsicologica, cioè un processo diagnostico complesso, che utilizza sia l’ osservazione clinica, sia la somministrazione di tests, al fine di valutare le funzioni cognitive di una persona (percezione, attenzione, linguaggio, memoria, ragionamento, ecc.) 
Sarà redatta una dettagliata relazione Psichiatrico Forense che si concluderà con la valutazione della capacità a compiere lo specifico atto per cui essa è richiesta.
 
Quando sia necessario possiamo recarci al domicilio della persona che dobbiamo esaminare.
 
Ricordiamo infine che la nostra valutazione è un parere pro veritate e non può essere condizionata dalle aspettative del Cliente.

Share by: