Esami DNA e tossicologici

DNA Profiling: 
l’accertamento più difficile da capire.
Test di paternità ed identificazione di tracce

Sembra un esame intuitivo, ma è talmente tecnico da essere incomprensibile per chi non lo fa. E non funziona nel modo in cui lo si vede alla televisione. Soltanto chi passa il suo tempo in laboratorio può effettuare esami attendibili od essere un buon Consulente di Parte valutando le procedure adottate dal Consulente del Giudice e la correttezza sia della effettuazione dell’ esame, sia della sua interpretazione. 
Nelle paternità contestate, questi esami costituiscono l’ unico dato scientifico utilizzabile per raggiungere una diagnosi di attribuzione con elevatissima probabilità, vicina alla certezza, mentre l’ esclusione è certa in modo assoluto (la probabilità è zero). 
Nelle indagini su traccebiologiche, queste possono portare all’ identificazione di chi le ha lasciate, se abbiamo uno o più campioni di confronto. 
Un cadavere non altrimenti identificabile, o dei resti umani, possono essere identificatiutilizzando tracce trovate in casa del soggetto che si pensa essere il deceduto, tessuti inclusi in paraffina (ad esempio: biopsie o preparati istologici da materiale chirurgico di interventi anche vecchi)oppure, se si tratta di una persona con figli, mediante un esame di paternità “alla rovescia” utilizzando il DNA dei figli e, se vivente, dell’ altro genitore. Va ricordato che questo tipo di indagine ha causato notevole imbarazzo nei casi in cui il padre non fosse il genitore biologico e la cosa non fosse nota. Se vi trovate in una condizione di questo genere, chiedeteci una consulenza “di fattibilità” e vedremo cosa è scientificamente possibile fare.

Tossicologia Forense:
 la corretta esecuzione degli esami e l’ interpretazione dei loro risultati

Il prelievo è stato effettuato correttamente? E’ stata mantenuta la catena di custodia? Gli esami sono stati effettuati con tecnica adeguata? I loro risultati sono stati interpretati correttamente? Da questo dipende il risultato finale: si trattava di guida in stato d’ ebbrezza? La persona era sotto l’ influenza di sostanze? La morte è stata causata o concausata da alcool, farmaci, stupefacenti?

Esami tossicologici su vivente

Con il consenso dell’ avente diritto, è possibile effettuare esami tossicologici su sangue, urine, capelli, peli. Ci occupiamo noi direttamente dei prelievi e garantiamo la catena di custodia conseguente, dall’ identificazione del soggetto su cui effettuiamo il prelievo sino al laboratorio. Nel consegnare i risultati li interpreteremo insieme a voi per comprenderne il significato.
Share by: